Chi siamo

RIFERIMENTO STORICO

Fin dalle sue prime apparizioni il gruppo ha sentito la necessità di darsi un nome evocativo che richiamasse direttamente la città e la storia di Artena e lo legasse ad un ben preciso periodo storico di riferimento .
Nella figura del Cardinale Scipione Caffarelli Borghese si intravide il personaggio storico fondamentale per lo sviluppo e la storia Artena nonché la figura di riferimento che legava il gruppo sbandieratori al corteo storico del Palio delle Contrade di Artena che rievoca per l’appunto la visita di Papa Paolo V Borghese al nipote Scipione signore di Montefortino (antico nome di Artena) a partire dal 1614 anno in cui acquista il feudo dai Colonna.
Il Cardinale è il personaggio che più di tutti contribuì a dare ad Artena l’attuale forma urbana e che realizzò i maggiori monumenti della città, dal 1614 i Borghese guidarono la città migliorandola in ogni sua parte e tutt’oggi eredi di questa famiglia vivono nella nostra cittadina continuando ad abitare l’enorme Palazzo Borghese su Piazza della Vittoria.

BLASONE

Lo stemma del gruppo ricalca lo stemma araldico della famiglia Borghese con l’Aquila e il Drago rampanti inseriti su uno scudo di tipo Francese Antico Troncato di colori Bianco e Rosso. Secondo le regole dell’Araldica
l’Aquila di colore nero (smalto) è sovrapposto al bianco (metallo) e il Drago di color oro (metallo) è sovrapposto al rosso che è uno smalto.
La Corona sovrastante lo scudo è di tipo Principesco e si deve per ricordare il titolo del Cardinale Borghese in quanto Signore di Montefortino.
Sul Nastro posizionato inferiormente vi è il motto della Città di Artena “Ex Cinere Resurgo”- Risorgo dalle ceneri.
I colori del gruppo bianco e rosso vengono scelti quali abbinamento di colori non presente in nessuno stemma delle contrade Artenesi, cosi da risultare al di sopra di qualsiasi altra realtà della città divenendo patrimonio di Artena tutta. Gli abiti storici vengono disegnati facendo riferimento alla moda della prima metà del 1600 e riprendono in toto i colori sociali.

SIMBOLOGIA DELLA BANDIERA

La Bandiera del gruppo racchiude al suo interno molti significati simbolici e soprattutto storici riscontrabili nelle vicende storiche della
nostra città. Una cornice color oro riporta l’epiteto “SCIPIO CARDINALIS
BURGHESIUS” visibile in molti monumenti della nostra città come ad esempio nella Chiesa del Convento di S. Maria del Gesù e sul frontone del versante principale dell’Arco Borghese simbolo di Artena entrambi opere
sorte per volere del Cardinale Scipione Borghese che è il riferimento storico diretto dell’associazione. Lo stemma riportato sulla bandiera è quello storico dell’associazione che riprende lo stemma araldico dei Borghese con drago
ed aquila rampanti posizionati però su uno scudo di colori bianco e rosso quali colori sociali del gruppo. Il motto che compare “EX CINERE RESURGO” è invece il motto storico della città di Artena “Risorgo dalla Cenere” che racchiude tutto ciò che la storia ha significato per Artena nel corso dei secoli sin dalla sua nascita, cioè il rialzarsi continuamente e la volontà di risorgere in
seguito a periodiche distruzioni. In basso a sinistra trova spazio una rielaborazione del monumento più importante e significativo di Artena, l’Arco Borghese costruito per volontà del Cardinal Borghese che fino agli inizi del 900 era la porta principale di accesso al paese e che veniva aperta
all’alba e chiusa all’imbrunire. Sotto l’Arco in basso a sinistra è stato inserito il simbolo araldico della comunità Artenese con i suoi colori Rosso e Verde.
I colori della Bandiera sono naturalmente il Bianco ed il Rosso quali colori sociali del gruppo.

STILE DI SBANDIERATA

Il gruppo fin dalla sua nascita ha cercato di distinguersi come stile dalla scuola tradizionale Laziale che fa uso prevalente di aste in legno non piombate, utilizzando, per avviare la propria attività, aste in carbonio con piombatura alla base secondo la metodologia riscontrata nella maggior parte delle
scuole di bandiera nazionali, unendo da subito l’aspetto folcloristico della disciplina con l’aspetto pseudo sportivo delle manifestazioni storico/competitive alla quale il gruppo prende parte durante l’anno.

IL GRUPPO

Il gruppo fa la sua prima apparizione pubblica nel 2007 e si unisce inizialmente ad un’altra associazione di sbandieratori della provincia (sbandieratori di Montecompatri) per sopperire alla mancanza di affiliati che le avrebbe permesso di camminare con le proprie gambe.
Nello stesso anno il gruppo si iscrive alla F.I.Sb. (Federazione Italiana Sbandieratori) ed organizza ad Artena il torneo federale “Festival delle Bandiere” che nel 2013 ha compiuto i suoi primi 10 anni e che si configura come l’unico torneo federale della Provincia di Roma.
Nel 2010 l’associazione prende ufficialmente la denominazione “Alfieri del Cardinale Borghese” fino ad allora usata solamente come appellativo senza valore legale .
Attualmente l’associazione conta circa 35 soci tra atleti, tesserati e figuranti; per quanto riguarda l’attività agonistica l’associazione gareggia, dal 2012, nel Campionato Nazionale Sbandieratori – Tenzone Argentea (A2).
L’associazione si prefigge l’obiettivo di fare ad Artena e dintorni non solo attività folcloristica ed agonistica bensì di essere un ente culturale che possa portare la cultura e le tradizioni Artenesi al di fuori dei confini della nostra città e al contempo, tramite le nostre manifestazioni, portare persone e culture di altre città all’interno della nostra.
Nel 2013 inoltre l’associazione si gemella con l’Associazione Culturale Contrada Arboreto che aiuta il gruppo nella realizzazione delle proprie attività.
Nel 2016, durante la sfilata del 25° palio delle contrade di Artena, viene siglato il gemellaggio con il gruppo “Sbandieratori dei Rioni di Cori” in onore dell’amicizia e del rispetto che unisce i due gruppi.